Adotta1Blogger perché corri il rischio di essere te stesso!

Gloria VanniViaggi e Lifestyle5 Conversazioni

corri il rischio di essere te stesso

È da quando è stato lanciato l’#adotta1bloggerday che mi chiedo Adotta1Blogger perché? Poi, l’altro giorno ho trovato la risposta: perché è una tribù dove corri il rischio di essere te stesso!

Corri il rischio di essere te stesso. Tutto qui?

Premessa. Sono entrata in questa comunità perché mi sono innamorata dell’innovazione che non bussa alla porta (“innovation without permission”) di cui Paola Chiesa è un’attivista, come ho raccontato in questo articolo.

Che io sia facile agli innamoramenti si sa. Che io sia altrettanto facile a farmi passare le cotte, come si diceva una volta, forse lo so solo io. Perciò, se dopo un anno sono ancora qui, tutti i giorni o quasi, salvo i weekend e la mia pausa digitale dell’estate 2015, be’ è perché qui mi sento a casa.

Mi sento parte di una famiglia che mi vive e accetta come sono. A volte sono meglio, a volte sono peggio, poco importa. Mi sento parte di questa comunità dove rispetti poche, semplici regole, continui a imparare, assapori il gusto di partecipazione e condivisione, massime espressioni del fare rete. Al massimo, appunto, corri il rischio di essere te stesso! .

Perché corri il rischio di essere te stesso in #adotta1blogger?

A differenza di altre comunità digitali dove sono entrata e uscita in punta di piedi perché mi sentivo estranea, in #adotta1blogger mi sento subito a mio agio. Ho sentito che c’era uno spazio possibile per me. Uno spazio dove dare e ricevere, dove segnalare e invitare, dove imparare e chiedere aiuto, dove ammettere incapacità e lentezze senza paure.

Il mio candido capello parla da solo. Sono la più grande. Quella con più esperienza di vita. Con in tasca una professione invidiata e poco amata da socialmediacosi, blogger, copywriter, marketer digitali e così via.

Con esperienze digitali e reali che mi portano a tagliare rami secchi, a dire no a persone e cose che non mi corrispondono. Tutto ciò lo impariamo da errori e sofferenze: guai a non farli!

So dove voglio andare. So che sono una giornalista che ama scrivere e una persona che ama condividere. So che mi diverto di più a fare le cose in due che da sola. So che è difficile riuscirci. So che amo creare connessioni e a volte mi vengono a regola d’arte. So che ho il pallino del benessere comune. So che negli orti personali ho difficoltà a lavorare, li evito e chissenefrega di backlink, opportunità, convenienze. Tutto qui.

Corri il rischio di essere te stesso con #adotta1blogger

Cosa guadagni a correre il rischio di essere te stesso? Conoscenza, umanità, professionalità nell’ordine che vuoi tu!

So di non piacere a tutti e ci sono persone che mi appassionano più di altre. Come Silvia che è diventata amica e sorella. Come Paola, la mamma. Come Anna e Ludovica. Come Mimma e Santa. Come Alessandra, Francesco, Simone, Roberto, Andrea

Sono solo alcuni esempi di umanità, conoscenza, professionalità: ecco cosa ci guadagni in #adotta1blogger. Grazie! Grazie a noi e a te che, come me, corri il rischio di essere te stesso! E buona lettura con la rassegna stampa (gratuita) della comunità più smart di Facebook!

PS. Cliccando sul pulsante sotto, oltre a dirmi che l’articolo ti è piaciuto, puoi donarmi del tempo – facciamo 5 minuti? – che posso usare per retribuire i talenti di chi ci aiuta: abbiamo bisogno di traduzioni. Grazie! 

About Gloria Vanni

Ciao, sono Gloria, giornalista, blogger, digital copy. Scrivo articoli per blog, pagine e media online. Amo esplorare, viaggiare, ospitare, creare connessioni tra persone e cose. Andare controcorrente è nel mio Dna. Lo so da quando scappavo dall'asilo in cerca di idee e passioni. Sogno, sorrido, condivido.
Post precedente
Post successivo

Google+ Conversazioni

Gloria VanniAdotta1Blogger perché corri il rischio di essere te stesso!

5 conversazioni a “Adotta1Blogger perché corri il rischio di essere te stesso!”

  1. Santa

    Grazie Gloria, sono una “romantica”… che emozione essere nei tuoi pensieri <3
    Post che dice tutto, ma come poteva essere altrimenti…

Rispondi a Gloria Vanni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *