Perché scegliere di espatriare a Minorca e non a…

Gloria VanniMondi e Sostenibilità16 Conversazioni

Persone e benessere | Perché espatriare a Minorca

Espatriare a Minorca. Perché scelgo di andare a vivere nell’isola più selvaggia delle Baleari? Per diversi motivi. Questo post li riassume e così rispondo a chi è curioso di sapere perché mi sono innamorata di questo spicchio di paradiso dove sbarco venerdì 17 marzo 2017.

Mi auguro poi che la mia esperienza sia utile a chi pensa di espatriare a Minorca e non a… Ibiza, Mallorca, Tenerife, Canarie. Luoghi dove prima di tutto occorre sentirsi a casa. E dato che amo gli elenchi, mi cimento in un elenco di indicazioni, soggettive e oggettive.

1. Minorca è la più vicina alla mia famiglia, ai miei genitori e a mia figlia. Da maggio a settembre, Mahon è collegata a Milano con voli diretti di un’ora e 10 minuti. Da ottobre ad aprile bisogna prendere un aereo per Barcellona. Poi uno dei voli giornalieri di Vueling, compagnia low-cost spagnola e allora il viaggio Milano-Mahon, o viceversa, diventa di quattro ore.

2. Sono apolide. Sono una migrante che non ha più voglia di respirare cemento. Dopo 34 anni di Milano, voglio vivere nella natura e vicino al mare. Aggiungo che l’Italia inizia a starmi un po’ stretta.

3. Minorca è Riserva della Biosfera da ottobre 1993 e possiede il 40% del territorio protetto, contro il 7% della media Europea. Perciò, salvo rare eccezioni, l’architettura è rispettosa dell’ambiente, tante sono le spiagge e gli angoli senza costruzioni.

Espatriare a Minorca per andare verso una nuova vita dove comunicazione e ospitalità hanno ritmi diversi

Persone e benessere | Perché scegliere di espatriare a Minorca

4. Posso lavorare ovunque: mi basta una connessione Internet per organizzare conference call e fare comunicazione online. A Minorca il wi-fi (si dice come si scrive!) lo ottieni in poche ore. Poi, dato che la stagione turistica è di sei/sette mesi, posso fare ospitalità da aprile a ottobre. E chissà cos’altro ci inventeremo negli altri mesi!

5. Terra spagnola sopravvissuta a invasioni e dominazioni, Minorca ha una sua identità. Mantiene le distanze dalla terraferma (“la penisola”) con proprie tradizioni, cultura, storia, gastronomia e una lingua tutta sua: il minorchino, ufficiale insieme al castigliano.

6. Amo il mare caldo, sono freddolosa, non riesco a fare il bagno nell’Atlantico e non vado a vivere su un’isola per nuotare solo in piscina. Ecco un altro motivo per espatriare a Minorca.

7. Minorca ha 131 spiagge, più di quelle di Maiorca, Ibiza e Formentera messe assieme. E che spiagge! Rocciose, di ciotoli o di sabbia rossa e ocra a nord, con vegetazione bassa per il vento di Tramontana. Con pinete mediterranee che proteggono sabbia candida e mare cristallino – nulla da invidiare a quelle caraibiche! – lungo la costa meridionale. Qui si trova Trebaluger o Trebelúger: come ho raccontato in questo post, Casa Bonita è nella campagna a sud di Mahon.

Vivere e respirare la natura 24 ore su 24: ecco un altro motivo per espatriare a Minorca

Persone e benessere | Perché espatriare a Minorca: la spiaggia di Son Bou

8. Ho escluso le Canarie perché, Oceano Atlantico e agevolazioni fiscali a parte, sono troppo lontane da papà, mamma, figlia, sorella. Poi, perché sono tanti gli italiani presenti a Tenerife dove capita di parlare più italiano che spagnolo. Non è ciò che desidero: a me piacciono gli spagnoli!

9. Minorca è pulita, ordinata, rispettosa. Se trovi una carta in giro è quasi sicuramente colpa del vento. Niente cacche di cani e mozziconi di sigarette. Sembra quasi Svizzera. Se attraversi la strada, le auto si fermano ben prima delle strisce pedonali. E nessuno si azzarda a fare inversioni a “U” in auto: si va avanti fino alla prossima rotonda e si torna indietro.

10. Minorca è a 30 minuti di volo da Barcellona, città cosmopolita ed effervescente dove godersi la vita a suon di cultura, gastronomia, movida… E base di partenza per esplorare tante altre meraviglie spagnole.

Persone e benessere | Perché espatriare a Minorca e non a... Una pulitissima strada a Mahon.

Un amico minorchino mi ha detto:

«Ora inizia il tuo vero viaggio dentro di te: goditi Minorca!».

Minorca è un’isola di quiete, calma, pace. Del tempo scandito dalla natura. Della vita fatta di piccole cose. Come le passeggiate in riva al mare con un amico a quattro zampe come Miele. Come la paella il sabato, le tapas al mercato del pesce di Mahon, le chiacchiere al bar a Es Castell che da sempre è così…

Minorca è una meraviglia. Me ne sono innamorata come accade ai tanti che la visitano. Ci torno in punta di piedi dopo quasi 30 anni. Il cerchio sembra chiudersi, ma questa è un’altra storia e te la racconto in un prossimo articolo

Minorca non è una terra di conquista, come Alessandro spiega in questo post che raccoglie i perché non espatriare a Minorca e così hai un quadro completo sui sì e i no di una scelta importante come cambiare vita ed espatriare a Minorca. Per me Minorca è una Casa Bonita.

Buona vita e se hai domande, dubbi, curiosità, scrivimi qui sotto, ti rispondo oggi tra un cartone e l’altro, domani tra ensaimada e pomada, specialità minorchine di cui è facile innamorarsi.

Persone e benessere | Perché espatriare a Minorca? Per dolcezze come la ensaimada

About Gloria Vanni

Ciao, sono Gloria, giornalista, blogger, digital copy. Scrivo articoli per blog, pagine e media online. Amo esplorare, viaggiare, ospitare, creare connessioni tra persone e cose. Andare controcorrente è nel mio Dna. Lo so da quando scappavo dall'asilo in cerca di idee e passioni. Sogno, sorrido, condivido.
Post precedente
Post successivo

Google+ Conversazioni

Gloria VanniPerché scegliere di espatriare a Minorca e non a…

16 conversazioni a “Perché scegliere di espatriare a Minorca e non a…”

    1. Gloria Vanni

      Cara Sonia, ci incontriamo sicuramente a Minorca dal 21 al 28 marzo…saremo un po’ in mezzo a cartoni e lavori, ma sarà un piacere trovarci! A presto 😉

  1. Maura Ceci

    Capisco il tuo entusiasmo e ti invidio. Anch’io ho avuto un’esperienza simile alla tua, ma purtroppo, per ragioni troppo lunghe da spiegare in una email, le cose non sono andate come avrei voluto. Dal ’98 al 2003 ho vissuto a Ibiza e poi sono tornata a Milano. Se ho capito bene la casa dove andrai a vivere è destinata anche a b&b. Sono alla ricerca di un posto per una vacanza, forse in agosto o forse in un altro periodo e l’idea di Minorca mi attrae abbastanza. Potrei saperne qualcosa di più, soprattutto per quanto riguarda i prezzi? Ti ringrazio e aspetto una tua risposta. Intanto buoni preparativi e Buon Viaggio. Ciao. Maura

  2. Gloria Vanni

    Benvenuta su LessIsSexy, Maura!

    Grazie per avere lasciato tue tracce e sarebbe bello ospitarti a Casa Bonita: ti mando la presentazione e spero avremo occasione di condividere chiacchiere ed esperienze a bordo piscina!

  3. Massimo Ceron

    Credo che ogni isola della Spagna, nella sua diversità, abbia il proprio fascino. Al momento io ho avuto occasione di visitarne soltanto una e a breve – impegni permettendo – dovrei visitarne un’altra.
    Sono felice per te, Gloria, che hai trovato quella che + ti si addice, e magari la terza che visiterò sarà proprio quella lì!

  4. Gloria Vanni

    Ciao, Massimo, Casa Bonita sarà felice di ospitarti quando deciderai e sono certa che Minorca saprà ammaliarti con la sua straordinaria natura da perlustrare (anche) in bicicletta! 🙂

  5. Sergio Del Bianco

    ciao! Non vediamo l ora di incontrati, ti cercheremo a settembre. Stiamo pianificando il nostro arrivo nei prossimi due anni. Ciao

  6. Alice

    Ciao Gloria, condivido tutto. La connessione internet è molto migliorata in questi ultimi 7 anni (addirittura adesso c’è copertura cellulare in molte spiagge), ma aspettati giornate in cui il tempo è inclemente e il wifi non funziona proprio bene! Con la fibra si è risolto, credo, anche il problema della lentezza della connessione in alta stagione, quando più persone arrivavano sull’isola e internet rallentava. In bocca al lupo per il tuo progetto e la tua nuova vita! Alice

    1. Gloria Vanni

      Ciao, Alice, grazie per essere passata e avere lasciato tue tracce su LessIsSexy!

      E quando ci conosciamo?

      Sbarchiamo venerdì 17 marzo alle 7 a Ciutadella: scelta strategica per Miele così sta meno tempo in auto da solo. E per Nino che vede per la prima volta Minorca anche se la conosce come le sue tasche date le lunghe navigazioni online.

      E per il mio piacere di camminare in punta di piedi sull’isola!

      Ah, sono fortunata, Casa Bonita ha la fibra ottica 🙂 A presto, Alice!

    1. Gloria Vanni

      Felicità condivisa, Nino! Il bello è che tu a Minorca non ci sei mai stato e la conosci molto più di me: nella vita accade anche questo, grazie a Google Maps!

      Buona vita, Nino 🙂

  7. daniele

    ciao Gloria & Nino,
    felicissimo per voi sopratutto perchè è anche tra i miei più grandi desideri trasferirmi in un isola come Minorca!! MI è sempre mancato il coraggio, considerando che ho moglie e figlio di 7 anni….ma sono sempre più tentato di fare questo cambiamento!

    Lavorativamente parlando potrebbe essere l’ultimo dei problemi considerando che potrei fare home office tutta la settimana…. è per tutto il resto che avrei sicuramente bisogno di consigli 🙂

    grazie e….Buona Vita!!!!

    Vi seguirò sicuramente nella prossimi giorni di questa vs nuova vita e se magari ci fosse la possibilità di parlarne insieme di questa scelta mi farebbe strapiacere!!!

  8. Gloria Vanni

    Buongiorno, Daniele, grazie per la tua partecipazione e… perché no?

    Perché non dare la possibilità al tuo bambino di crescere bilingue e in un’isola dove bimbi e anziani sono trattati con rispetto?

    Perché non dare la possibilità alla tua famiglia di vivere secondo ritmi più naturali e sani?

    Perché non darti la possibilità di essere felice realizzando un tuo sogno che peraltro è super sostenibile anche dal punto di vista professionale?

    Ho iniziato con un perché no, Daniele, solo per dirti che non ho idea di dove tu viva e di cosa pensi tua moglie. So per esperienza che un figlio sta bene quando i genitori stanno bene e il tuo bimbo è ancora abbastanza piccolo per “vivere bene” un eventuale cambiamento di vita come trasferirsi in un altro paese vicino all’Italia e alla cultura italiana. Diverso sarebbe se fosse adolescente!

    Perciò, il primo consiglio è vieni a Minorca e prova a sentire cosa ti dice l’isola!
    Ci sentiamo settimana prossima via skype da Casa Bonita?

    Buona vita a te!

  9. Simona

    Buona sera a tutti…..
    Leggevo tutte le vostre mail è da anni che vorrei trasferirmi a Minorca, ci vengo per le vacanze ormai da qualche anno, ho due figli uno di 25 e l’altro di 15, il più grande vorrebbe in società con me aprire un locale, mio marito tra un anno e qualche mese va in pensione io mi dovrei licenziare dovremmo vendere casa….onestamente è un’avventura che mi piacerebbe vivere, detto questo non saprei da dove cominciare……chi mi può dare informazioni utili? ……..ringrazio sin da ora chiunque possa aiutarmi…..

  10. Gloria Vanni

    Buongiorno, Simona, benvenuta su LessIsSexy!

    Chiedo scusa della lentezza della mia risposta ma… dopo il trasloco, iniziano le grandi manovre del pulire e del mettere a posto. E così corrono i giorni.

    Allora, ti racconto la mia esperienza: in prima battuta ho venduto la mia casa a Milano e questo passo mi ha permesso di venire a Minorca e capire che tipo di casa avrei potuto acquistare.

    Credo che tu possa fare altrettanto. Una volta arrivati a Minorca, la prima cosa da fare è andare il polizia e prendere il NIE, il “numero identificación extranjeros”. Si ottiene in pochi minuti, dopo avere fatto un bonifico e avere compilato i documenti che si ritirano in polizia. Con questo numero di può comprare e/o affittare casa, acquistare un numero di telefono spagnolo, aprire un conto in banca…

    Conosci Minorca come ospite, l’hai vissuta in vacanza e hai probabilmente identificato una zona dell’isola che più ti piace. Naviga con tuo figlio su Idealista.com e vai a caccia della casa dei tuoi/vostri sogni. E, se ancora non ci sei, iscriviti al gruppo Facebook “Vivere a Minorca” creato da Alessandro Castagna: è una inesauribile fonte di informazioni e notizie.

    Se hai bisogno di altro, ci sentiamo via skype? Mi trovi come gloriavanni.

    Buona primavera, Simona! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *