Scegli il prendersi cura e assapori la #sexytudine

Gloria VanniMondi e Sostenibilità10 Conversazioni

Scelgo il prendermi cura perché è più sexy del Klout

Prendersi cura di se stessi, degli altri e del mondo è #LessIsSexy!

Ci vuole tempo per rispondere alle richieste su Linkedin. E ci vuole anche voglia. Tanta voglia quando ne accumuli (voce del verbo procrastinare) oltre 60. A ognuno rispondo in modo personalizzato, con un “grazie” all’inizio, alla fine e nell’oggetto.

Essere giornalista/blogger con un candido capello ha il suo fascino. Ma, ti chiedo: secondo te sono una persona di valore perché sono 66 di Klout o perché amo prendermi cura di te?

«Ciao Gloria, di niente (per l’invito), già il fatto che mi hai risposto è meglio di una non risposta…», mi scrive Francesco.

Se ricevessi un euro a invito… Scherzo! Di solito sono tempestiva nelle risposte. Non solo per educazione e perché sono d’accordo con Rudy: sui social devi rispondere. Quando è il caso, risposte ritardate per esempio, chiedo pure scusa 😉

Forse ti stai chiedendo perché ho maturato un disamore verso Linkedin. La risposta è: dalla piattaforma più professionale della rete ho ricevuto un paio di belle sòle, raggiri e non suole di scarpe. Belle è un eufemismo.

Non so tu ma io scelgo di utilizzare il web a tutto tondo: #iocisono, amo condividere e fare rete.

Rischio e, previa verifica, su Linkedin accetto di collegarmi anche a chi non conosco. Ogni tanto blocco gli attacchi Smalfiland – sì, imperversa anche qui oltre che su GooglePlus: attenzione! -, e nego la conoscenza a profili raffazzonati, senza foto, lontani anni luce da  me, sostenibilità, netiquette. Mi dispiace dire “non conosco” ma c’è un limite a tutto, anche alle proprie e altrui voglie/piaceri di seduzione o #sexytudine.

Poi, leggo il post di Valentina (Falcinelli ), risposta alla domanda di un’altra Valentina (Coppola): «Le persone sono davvero in grado di riconoscere un contenuto di valore.

RICONOSCERE I CONTENUTI DI VALORE?

Ecco, questo è un altro dei miei interrogativi. Leggo e sento i miei capelli diventare ancora più bizzarri e ribelli: #sallo, Ludovica, il ricciolo non contempla assumere carattere liscio neanche quando è candido.

Sono d’accordo con Valentina: un contenuto è di valore se migliora la nostra vita. Sento il web usato male: sono dell’idea che sfruttiamo solo una minima parte del suo potenziale per migliorare noi stessi e gli altri.

Che senso ha, mi chiedo, nel terzo millennio continuare a fare biglietti da visita personali quando #insieme si fanno cose straordinarie? Mi spiace leggere che Klout è così determinante per cui «se hai un punteggio superiore a 62 allora sei una persona valida; altrimenti no».

Ok, prendi me. Il 66 di @nogenio all’8 ottobre 2014 – 9.550 tweet e 1.480 follower -, non sembra lontano dal 71 di @RudyBandiera – 96.500 tweet e 26.000 follower – e dal 73 di @Valentina: 14.500 tweet e 6.097 follower.

Questi sono i numeri che appaiono a me, non è detto che siano gli stessi per te e comunque mi sento #insostenibile a confrontarmi – ah, io blogger da aprile 2013! -, con due professionisti che da anni lavorano in rete. I numeri parlano da soli, non credi?

Sai che c’è? Sono fortunata perché me ne sbatto di numeri e Klout!

IMPARARE È PRENDERSI CURA: CHE #SEXYTUDINE SENZA LIMITI!

Il mio valore è sentire che ho ancora tante cose da imparare. Il prendermi cura mi appartiene quanto il desiderio, la voglia, il bisogno di migliorare. Rifiuto l’essere esperta di qualcosa, non voglio insegnare nulla a nessuno.

Non ti aspettare quindi sfilze di istruzioni per l’uso, preziosi consigli e magiche soluzioni da me e da #LessIsSexy. Be’, qualche “come” ogni tanto viene anche a me ma è ogni tanto, appunto.

Invece, hai visto il #manifesto nella ToolBox, la cassetta degli attrezzi in alto a destra? Spero sia una risposta esaustiva a chi dice: «Sai, Gloria, non ho ancora capito cosa intendi per sostenibilità.

Il #manifesto della sostenibilità (su misura) inizia con…

1. Prendersi cura di se stessi, degli altri, della Terra.

A me sembra che queste 9 parole contengano “tanta roba” su cui riflettere. Mi sembra che le azioni #sostenibili stiano per scappare da vocali e consonanti e questo è solo il primo punto.

Ti piace? Condividilo!

E mentre condividi, chiediti se lo fai per il mio 66 o perché il prendersi cura è anche la tua #sexytudine, capace di migliorare te e gli altri. E già che ci sei, aiutami a migliorare il #manifesto! Grazie.

About Gloria Vanni

Ciao, sono Gloria, giornalista, blogger, digital copywriter, divulgatrice digitale. Amo creare connessioni tra persone e cose. Scrivo articoli per blog, pagine e media online. Andare controcorrente è nel mio Dna. Lo so da quando scappavo dall'asilo in cerca di idee e passioni. Sogno, sorrido, condivido.
Post precedente
Post successivo

Google+ Conversazioni

Gloria VanniScegli il prendersi cura e assapori la #sexytudine

10 conversazioni a “Scegli il prendersi cura e assapori la #sexytudine”

  1. mikimoz

    Molti pensano che migliorare la vita sia dare consigli seri (o seriosi) anche tecnici.
    Solo questo.
    Dimenticano spesso la gioia di una risata, o un minuto di divertimento.
    E in sostanza invece è proprio questo che i blog fanno.

    Moz-

  2. Massimo Ceron

    Bravo Moz-, i blog sanno trasmettere sensazioni ed emozioni, del resto lo stesso Rudy Bandiera ha scritto che al Web 2.0 manca solo lo spritz del suo libro “Rischi ed opportunità del Web 3.0” che ho letto quest’estate!

    L’importante è selezionare quelli giusti e avere quella costanza e continuità che ci contraddistinguono!

    Come poi dicevo ieri su Twitter, per contribuire al manifesto della #sostenibilità e delle azioni #sostenibili dovrei fare un attimo mente locale, perché non saprei da dove partire….

    Una cosa che mi ha colpito di questo post è stata la risposta di Francesco, #iocisono solo per il fatto di averti risposto.

    Bello veramente, questa è l’essenza… Secondo me tante persone si sentono spesso sole perché ignorate dal mondo. Però, se dai loro retta e ascolto, scopri che hanno qualità e doti e potrebbero dare lezioni a tanti altri. Mi è capitato tempo fa con un signore sui sessant’anni, lo vedevo spesso camminare da solo e ho iniziato a scambiare qualche parola insieme.

    Mi ha raccontato le sue conoscenze informatiche, acquisite da autodidatta: veramente notevoli! E da quando ho iniziato a parlargli vedo che, quando ci incrociamo, gli si illuminano gli occhi perché lo ascolto… Ciao ragassi, ciao Gloria, buona continuazione!

  3. Gloria Vanni

    La gioia di una risata, il calore di un sorriso, l’emozione di una coccola, il piacere di giocare come quando si è bambini… cavolo Moz, per fortuna che ci sei perché con due parole sai illuminare anche un grigio cielo come quello di oggi!

    Grazie!

  4. Gloria Vanni

    Grazie, Massimo per il tuo dimostrarci, ancora una volta, come basta poco per essere sostenibili, premurosi, compartecipi nella vita di tutti i giorni 🙂

    E sono quasi certa che la tua condivisione è perché hai a cuore il tuo benessere e quello di altri. O mi sbaglio e mi frequenti perché ho un Klout 66 😉 ?

    1. Gloria Vanni

      Grazie, Paola! E donna avvisata mezza salvata: la nostra vita è in balia dei numeri!
      L’Auditel condiziona quella reale e il Klout quella digitale: ma si può?

      E del #manifesto sulla sostenibilità cosa pensi?

  5. Michele S.

    Condivido ogni punto del manifesto, Gloria. E, come suggerisce Moz, sottolinea e ricorda che il prendersi cura è in prima istanza prestare attenzione a se stessi e agli altri con gioia, empatia. Se lo fai con la voglia di divertirti, il risultato è assicurato!

    1. Gloria Vanni

      Sono d’accordo, Michele, e #staytuned: mi esibirò prossimamente in una serie di esempi di sostenibilità e prendersi cura all’insegna della qualità più esilarante… ci provo 😉 e qualsiasi cosa ti venga in mente, sono qui!

  6. Gloria Vanni

    50 non mi sembra proprio bassetto ma, posso ribadire, chissenefrega!?! 🙂

    Comunque, a detta degli esperti, sì alle interazioni ma il klout si alza soprattutto con post e pubblicazioni anche su profili e pagine personali.

    Così dicono. Io non lo faccio e ora mi metto a pulire camera e bagno: sostenibilità pratica e reale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *