Prova costume? 6 motivi per una dieta di sostenibilità

Gloria VanniPersone e Benessere30 Conversazioni

Prova costume: campagna Fairtrade per il caffè di qualità by commercio equo certificato

Prova costume e sostenibilità. Oggi e domani. Cosa?

Va bene. Non mi azzardo al “per sempre” perché sento già Mr. Bauman che, come una volta faceva la mia mamma, mi incenerisce con lo sguardo. Per sempre non esiste nella nostra modernità liquida.

Vado a fatti e azioni possibili, al di là di propositi e parole. Perché essere sostenibili 24 ore su 24 è fattibile. Basta. Ecco la mia dieta sostenibile in vista della prova costume. Cosa? La questione non mi riguarda dato il candido capello? Sbagliato! Riguarda il mio benessere fisico e psichico. Stare bene nella propria pelle è uno dei miei obiettivi. Faccio miei alcuni spunti: questa è la mia dieta di sostenibilità.

Colazione, ore 7. Fino a sabato 13 aprile, oltre 200 bar italiani – dal Veneto alla Liguria, dal Trentino-Alto-Adige alla Sicilia -, ci consentono di assaporare il caffè di qualità by commercio equo certificato. Caffè differente perché “assicura il rispetto delle condizioni di lavoro degli agricoltori e la salvaguardia dell’ambiente”. Caffè tostato dalle torrefazioni che scelgono un caffè #buonodavvero.

Prova costume? 6 motivi per una dieta di sostenibilità

Camille Mutel + Cie Li(Luo) / Convitto Nazionale (cucina) · © Paolo Porto

Ore 10.30. Sono trascorsi 5 anni dal 6 aprile 2009 e solo il 10% del centro storico di L’Aquila è ricostruito. Il fotografo Paolo Porto – l’unico abruzzese ad avere vinto il World Press Photo nel 2002 – è impegnato nella realizzazione del progetto Pressoché IGNUDA: corpi femminili nudi tra le rovine della Zona Rossa. Per ricordarci com’è ancora oggi la sua città. Per non dimenticare gli abruzzesi tuttora terremotati. Io non dimentico.

Pranzo. Pausa di 45 minuti dedicata ad attività fisiche: cyclette e ginnastica. Da oggi, è così! Non sono pigra ma LessIsSexy mi ha travolta, facendomi dimenticare due sane abitudini. Mi “salvo” andando in bici per Milano, facendo le scale a piedi, camminando con Miele, mangiando bene…

Prova costume? 6 motivi per una dieta di sostenibilità

Il 16 aprile è la Giornata internazionale della lotta alle malattie cardiovascolari. Sabato 12 aprile, alle 16, in piazza Duomo è in programma un flash mob per fare movimento in modo alternativo. E a proposito di flash mob, guarda come Milano è Happy! Ci siamo anche io e Miele!

Merenda. Se ognuno di noi fa la sua parte, insieme fermiamo “il cambiamento climatico che causa la fame”: con il Metodo Coltiva diventiamo protagonisti della lotta al cambiamento climatico dalla tua cucina!

Prova costume? 6 motivi per una dieta di sostenibilità

Oxfam Italia e Coltiva: firma anche tu contro cambiamento climatico e fame, in Italia, nel mondo

Cena. Yolande Mukagasana, ruandese sopravvissuta al genocidio dei Tutsi in Rwanda – si è salvata grazie all’aiuto di una una donna hutu, cioè coloro che hanno attuato il genocidio -, vuole creare un Giardino dei Giusti nel suo Paese. Un simbolo di riconciliazione e di pace. Un pensiero di cambiamento che non è lontano da noi: a Lampedusa continuano ad arrivare profughi dall’Africa. Come accettare la diversità e realizzare esempi di civile convivenza? Yolande, scrittrice e attivista, è oggi a Genova, allo Zenzero (via Giovanni Torti 35), per un incontro e cena. Mercoledì 9 aprile 2014 è al Teatro della Gioventù per la giornata dedicata ai 20 anni di questo genocidio dimenticato.

Prova costume? 6 motivi per una dieta di sostenibilità

Yolande Mukagasana. Foto Bene Rwanda Onlus

È il marketing 3.0, bellezza! Buon ascolto, sogni d’ora e basta sentirsi un babbeo!

Hai altri suggerimenti sostenibili? Pronta ad accoglierti, ti aspetto tra i commenti!

About Gloria Vanni

Ciao, sono Gloria, giornalista, blogger, digital copywriter, divulgatrice digitale. Amo creare connessioni tra persone e cose. Scrivo articoli per blog, pagine e media online. Andare controcorrente è nel mio Dna. Lo so da quando scappavo dall'asilo in cerca di idee e passioni. Sogno, sorrido, condivido.
Post precedente
Post successivo

Google+ Conversazioni

Gloria VanniProva costume? 6 motivi per una dieta di sostenibilità

30 conversazioni a “Prova costume? 6 motivi per una dieta di sostenibilità”

  1. Irene Ferri

    Suggerimenti preziosissimi, grazie davvero, Gloria! Una dieta che mi permetterò di seguire anche io, insieme a te.

    Grazie anche per la menzione. Non c’è solo l’audioebook: c’è anche l’ebook. Ed escono tra pochissime ore, con mia grossa emozione 🙂

    Una mia ulteriore osservazione di sostenibilità è: una volta alla settimana (almeno), fai una lista delle 10 cose di cui sei grato. Ce ne sono tante per cui ci lamentiamo. Riscopriamo le bellezze che ci sono nella nostra vita!

    Un abbraccio forte, Gloria, a te e a tutti i lettori. 🙂

    1. Gloria Vanni

      Ciao, Irene, sono contenta che la “dieta modello” ti piaccia 🙂 Non vedo l’ora che sia domani per scaricare la mia copia del tuo ebook.

      Sono sempre tante le cose sostenibili che vorrei condividere e… a volte mi arrampico sui vetri perché è facile cadere nella pura informazione che lascia il tempo che trova.

      Bello anche il tuo suggerimento: 10 cose di cui essere grati ogni settimana. Grazie!

      1. Francesca Ungaro

        Grazie Gloria perché mi hai presentato Irene:
        ho iniziato a seguirla e mi ha conquistata!

        Attendo il 9 per leggerla e rimango con le antenne dritte per cogliere nuove occasioni di sostenibilità.
        Tu sei una miniera preziosa di ispirazioni!

        PS. veramente bello il suggerimento delle 10 cose cui dire GRAZIE (almeno ) ogni settimana 🙂

        1. Irene Ferri

          Il piacere è tricipico (perchè comprendo le due Francesche e la Gloria – notare la tipica usanza milanese dell’articolo davanti al nome 😀 ) e sono tanto felice di trovare persone che provano piacere nel condividere.
          Grazie a voi per l’ascolto, l’accoglienza calda e familiare, le discussioni sempre dolci, il clima di sostenibilità tout cour che regna in questo mondo dove il Less is Sexy.
          :abbracciodigruppo:

  2. Francesca Borghi

    Ciao Gloria!
    Proponi una dieta super sostenibile 🙂
    Tanti appuntamenti golosi e imperdibili, inizio anche io e share share share!
    Grazie mille per gli appuntamenti preziosi che hai proposto.

  3. mikimoz

    Avevo iniziato una sorta di dieta, ma il pranzo orientale di domenica ha scombussolato tutto.
    Però… riprendo. Ora torno in Puglia, poi sarò di nuovo qui e via di bici e corsa, e magari anche palestra.
    Non ho consigli da darti, se non quelli “in sottrazione”, ossia… non fare. Non fare spuntini notturni, non fare spuntini fuori pasto XD

    P.s. impossibile dimenticare L’Aquila, con annessi e connessi.

    Moz-

    1. Gloria Vanni

      Ciao Moz, attenzione a pomodorini, olio, mozzarelle e pane pugliesi… tralascio il vino che ben conosci!

      Attenzione ai fuori pasto? Ma se è uno dei pochi vizi che ancora pratico! Scherzo ma stai diventando troppo sostenibile per me.

      Purtroppo in tanti si dimenticano di L’Aquila e dei suoi abitanti, a partire da chi sta a Roma e fa politica agli aquilani stessi, forse troppo in attesa.

      Ma questo è un mio pensiero personale.

      1. mikimoz

        L’Aquila ormai non è più uno spot elettorale, ecco perché se ne sono dimenticati.

        In Puglia mangerò sano, ma fidati… sto ancora facendo cose in…sostenibili, tipo mangiare un pacco di Ringo XD

        Moz-

        1. Gloria Vanni

          I Ringo? Quando io ero una bambina quasi adolescente erano gli unici biscotti possibili, oltre ai Pavesini.

          Sapori di un tempo che ricordo bene e ogni tanto me ne riapproprio perché sono… vizi sostenibili! Non so quanto a livello di produzione, dobbiamo imparare a leggere le etichette di ciò che acquistiamo.

          Tu le leggi, Moz?

  4. Diego Ricci

    Buongiorno Gloria!

    Oggi, un giorno come tanti.

    Mattina: sveglia alle 5.45.
    Amo la mattina presto, l’aria frizzante e andare a Milano quando si sveglia. Sveglia!
    Ma amo anche dormire, rigirarmi nel lettone per la lunga senza pensare. Dormire!

    Pranzo: al Bar.
    Amo mangiare cose buone ed amo bere. Pancia!
    Ma non voglio ingrassare. Dieta!

    Lavoro: giornata, per ora, tranquilla.
    Devo guadagnare abbastanza per avere una vita decorosa. Soldi!
    Ma non voglio farlo se non posso guardarmi allo specchio alla mattina. Specchio!

    Sera: in famiglia.
    Problemi, racconti di giornate vissute nel frattempo, delle persone care. Ascolto!
    Ma vorrei non ascoltare nessuno. Silenzio!

    Quindi? Troppe scelte. Troppe variabili. Che casino!

    E quel maledetto costume che mi sta davanti e che mi dice: “tanto non riuscirai mai ad indossarmi…”.

    Eh no caro mio! Ti sbagli!

    Per fortuna c’e’ tempo. Posso arrivarci piano piano.

    Con scelte semplici, piccole, invisibili, sostenibili.

    Come prendermi una pausa, bere un caffè #davverobuono, fare una camminata, leggere un libro o un bel post in treno, chiudere gli occhi per un momento e sentire il sole sulla faccia, fermarmi e sentirmi vivo, anche solo per un attimo, ascoltare una risata in lontananza, incrociare le persone e salutarle con un sorriso.

    Si. Mi sa che inizierò la mia dieta da qui. Piano piano, ma per sempre.

    E prima o poi quel costume lo indosserò!

    Giusto Gloria?

    1. Francesca Ungaro

      Certo che Gloria ha proposto una dieta piena di inspirazioni da condividere, ma certo è anche che – carissimo Diego – questo tuo commento è splendido!

      Vivo come te, intensamente, ogni desiderio che ho, ogni valore che ho, ogni minuto che ho perché credo che, a forza di amare, il cuore possa diventare più grande.
      In fondo è un muscolo, no? Bisogna allenarlo 😉

      Scelgo ogni giorno di cambiare passo per sostenere chi o cosa ne ha più bisogno.
      Ogni giorno.
      Spesso cambiando programma. Spesso inaspettatamente.
      Però scelgo sempre per la sostenibilità.
      Perché a me fa battere il cuore.

      Sono andata fuori tema?
      Beh, a far muovere il cuore si dimagrisce anche, no?

      un abbraccio!

      1. Diego Ricci

        Ciao Francesca,

        il bello di venire ogni tanto qui a leggere e condividere con te, Gloria, Francesca e con gli altri amici di Lessissexy è proprio che si scoprono ogni giorno nuovi modi, idee semplici, per non rassegnarsi alla nostra routine. Ma anche momenti di riflessione, di partecipazione, di memoria. Per non dimenticare!

        Grazie!

    2. Gloria Vanni

      Giusto, Diego! E ribadisco ciò che ti ho detto anche di persona: leggerti è un grande, grande piacere.

      Hai un dono, la scrittura, non lasciarlo nel cassetto. Tiralo fuori, coltivalo e condividilo.

      È raro trovare un uomo che sappia esprimersi così, parola di candido capello che di scrittori, autori e appassionati scrivani ne ha incontrati diversi!

      Sono certa che il tuo costume sa attenderti, paziente 🙂 Grazie, Diego.

  5. massimin74

    Grande Gloria, complimenti per tutto l’articolo dove racconti di tante problematiche ancora irrisolte e di cui se ne parla ancora poco, quasi a lasciare il problema a chi ce l’ha, e in modo particolare per la parte che riguarda la merenda (che belle parole) e la cena, dove hai trovato lo spunto per raccontare anche di quel terribile genocidio tra hutu e tutzi dimenticato dal mondo intero, per mancanza di interessi in quella sfortunata zona africana che ho avuto modo di visitare;
    e per un cenno alle problematiche mai risolte della questione sbarchi a Lampedusa, isola vicina al continente africano.
    Buon tutto a tutti!

    1. Gloria Vanni

      Ciao, Massimo, grazie per questo tuo pensiero.

      Ci provo, a ricordare. Provo a riflettere, a sperimentare, a lanciare sassi nello stagno affinché la sostenibilità su misura si allarghi e da personale diventi sociale e globale.

      So della tua sensibilità verso alcuni temi di cui sopra e te ne sono grata.

      Perché, mi/ti chiedo, non ci facciamo ancora sedurre dalla sostenibilità?

      Credo che tu possa confermare i benefici che si ottengono. Doni inaspettati da chi non possiede nulla. Solo speranza, coraggio e disperazione tanto da salire su ignobili carrette del mare per cercare una vita migliore.

      Mi piacerebbe risentire la tua voce!

  6. Cristina

    Ciao Gloria, bellissimo post!
    Grazie per tutte le citazioni, condividiamo ovunque!!!

    Una carezza per Miele!

  7. Gloria Vanni

    Grazie, Cristina! Miele ringrazia con una leccata o la zampa, a te la scelta.

    Fare rete, condividere, sostenersi è ciò che amo del web e della vita. Abbiamo tanti strumenti per farlo e io, se posso, cerco di usarli tutti!

  8. Giusy G

    Certo che fare una dieta così rende sicuramente sazi… Per tutti quelli che hanno bisogno di colmare vuoti ma non sanno da dove cominciare… Complimenti Gloria!

  9. Gloria Vanni

    Che bello riaverti tra noi, Giusy!

    Sì, gli strumenti utili per colmare i vuoti sono tanti, bisogna avere voglia di raccoglierli!

    La mia voglia sembra inesauribile o quasi. E la tua?

  10. Oxfam Italia

    Ciao Gloria,

    davvero un bel modo per parlare di sostenibilità e di cosa possiamo fare tutti noi per un sistema alimentare più giusto per tutti!

    Grazie!

    Oxfam Italia

    1. Gloria Vanni

      Grazie a te, Oxfam Italia, presente anche tra i Partner & Friend di #LessIsSexy!

      La sostenibilità mi scorre nelle vene?

      Forse. Di fatto ci credo, è passione e ogni giorno cerco di trovare modalità diverse per parlarne e condividerla.

      Anche con la prova costume!

  11. Giusy G

    Cara Gloria,

    penso che i vuoti rappresentino un’opportunità…l’opportunità di colmarli in maniera autonoma, creativa, libera… Ciascuno a suo modo, rincorrendo le proprie sensazioni, rispondendo a determinati stimoli, liberando i propri pensieri… A me capita SEMPRE non solo di raccogliere gli strumenti che li riempiano, ma anche di andare alla loro ricerca … Se lasciassi solo al caso la possibilità di scegliere per me e non seguissi anche la mia “sostenibilità” ne rimarrei soffocata, sarei già diventata un'”obesa”, incapace di muovermi, di mettere in circolo la mia energia e condividere con gli altri la fatica che si prova… Non che sempre ci riesca, anzi… Ma ci provo, in continuazione… E non c’è cosa più bella di trovarsi a fine giornata, stanca ma felice di aver così tanto cercato…

    Un saluto,
    Giusy

  12. Gloria Vanni

    Buongiorno, Giusy! Capisco, tanto più una giovane scienziata: non demordere!

    Capisco la stanchezza a fine giornata. Domenica, al termine di una due giorni di GooglePlus, ero distrutta. E lunedì è iniziata una settimana piuttosto stramba.

    Non mollare – scusa questi consigli da “quasi mamma” con il candido capello – perché sono proprio questi continui tentativi che tengono accesa la fiammella della speranza e del futuro. E di speranza negli occhi dei giovani noi, il mondo, abbiamo assoluta necessità.

    Leggi la sostenibilità di oggi, giovedì 10 aprile. E dimmi se trovi nuovi spunti di sperimentazione tra vita quotidiana, scienza e musica 🙂

  13. Tiziana Leopizzi

    … Mi avvicino in punta di piedi perché non voglio correre il rischio di rompere l’incanto. Un sollievo leggere i vostri pensieri. Cara Gloria grazie di aver stuzzicato la mia curiosità che mi ha permesso di conoscervi. Condivido praticamente tutto quello che ho letto.. Posso dare il mio contributo suggerendo di cercare sempre il bello, anche dove a prima vista non c’è e se c’è cercare di condividerlo. Ieri per esempio mi ha stregato un glicine stupendo.
    Buona giornata a tutti

  14. Gloria Vanni

    Buongiorno Tiziana! Che piacere sentire il tuo passo lieve mentre ti avvicini!
    Posso dare del tu?

    Sono davvero contenta di avere stuzzicato la tua curiosità e, confesso, le tue parole hanno stuzzicato la mia… Complimenti per il progetto ARTOUR-O il MUST!

    Condivido il tuo consiglio. A volte ci si ferma alle apparenze e non si va oltre.

    Giriamo pagina: la sostenibilità è guardare (anche) dietro. Spero di rileggerti con altri contributi. Ognuno è prezioso, utile. Grazie

  15. Giusy G

    Cara Gloria!

    Grazie dei consigli, “da quasi mamma con il candido capello” , ne ho assolutamente bisogno… D’altronde la condivisione di valori ed esperienze è sicuramente una chiave per la sostenibilità!

  16. Gloria Vanni

    Spero che perdoni la lentezza di questa “quasi mamma con il candido capello”, Giusy!

    È che per cinque giorni ho fatto la figlia e la mamma allo stesso tempo per i miei genitori e mi rendo conto che perdo qualche pezzetto. Ma prima o poi arrivo e sono davvero contenta di condividere anche con te, piccola grande donna, valori ed esperienze sostenibili. Grazie!

    E avanti tutta 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *