Ecco perché pulire con karma ci rende felici #PensaPulito

Gloria VanniSponsored Post4 Conversazioni

Sponsored Post | Ecco perché pulire con karma ci rende felici

Pulire con karma è una scienza applicabile a qualsiasi spazio. Quindi, primo: organizzazione! Di rigore la musica di sottofondo, meglio se a volume alto, nel rispetto dei vicini.

Per pulire a passo di danza è consigliata “Music for cleaning“. Io mi sento più in sintonia con una playlist tipo “Dolce far niente” su Spotify.

Stay with me” di Sam Smith mi aiuta a sentire il potere di spugne, aspirapolvere, stracci, alcool & Co. Le pulizie mi vengono meglio se sono scalza, a piedi nudi è il massimo. E poco importa se diventano neri. Il rito delle pulizie domestiche termina con sostenibilità, ovvero una doccia lunga e con karma!

Come pulire con karma e vivere i benefici della meditazione casalinga

Sponsored Post | Pulire con karma ci rende felici

Il Giappone entra a casa nostra con “Manuale di pulizie di un monaco buddhista” e con “Il magico potere del riordino“. Nel primo Keisuke Matsumoto ci invita a spazzare “via la polvere e le nubi dall’anima” in 164 pagine. Nel secondo Marie Kondo ci svela i segreti del riordinare e del tenere solo ciò che ci rende felici in 247 pagine. Guardala in questo video:

Fantastica, vero? Torniamo a lavare i vetri, passare il Folletto, spolverare. I lavori domestici non sono divertenti. Sono però utili per praticare la cosiddetta meditazione casalinga. Infatti, la ripetitività dei gesti contribuisce al nostro rilassamento: il corpo reagisce in modo automatico e la mente è libera di vagare senza limiti.

Mi sono capitate interessanti intuizioni tra strofinacci, scope e detersivi. Un quaderno degli appunti è parte dell’organizzazione per pulire con karma. Come musica, bottiglia d’acqua, candela accesa: ci sono anche quelle che sanno di bucato fresco! Sapendo che…

Quando pulire con karma? Il segreto è fare qualcosa ogni giorno

La manutenzione della casa è disciplina, intima e rigorosa. Sono azioni di vita quotidiana con una propria grazia e spiritualità. Fare qualcosa ogni giorno ci aiuta a coltivare la nostra attitudine all’attenzione e al rispetto per noi stessi e per gli altri, come ho evidenziato anche nel manifesto di LessIsSexy. Pratiche e gesti che pian piano accrescono il nostro “avere voglia” di fare le pulizie. Anche senza che ce ne accorgiamo, iniziamo a provare piacere nel pulire, fare ordine e spazio.

Sponsored Post | Perché pulire con karma ci rende felici

Parola di una che non ama stirare. Ho imparato, però, e ogni tanto riesco perfino a fare le ore piccole sull’asse da stiro. Con i 7 Years dei Lukas Graham “presto avrò 60 anni” e pulire con karma può diventare anche un gioco. Questa è un’altra storia e nel frattempo, buona vita!

Questo è il quarto articolo per #PensaPulito, progetto che ci invita a pensare e agire con onestà, lealtà, solidarietà. Significa maggiore consapevolezza su come possiamo contribuire a rendere migliore il mondo, per noi e per gli altri.

Abbiamo parecchio da fare e ogni mese propongo un tema diverso. Qui puoi leggere il primo sull’economia della fiducia, il secondo sugli effetti benefici del donare alberi, il terzo sul vivere senza freno a mano e ricominciare da zero con gioia. Al prossimo post!

 

About Gloria Vanni

Ciao, sono Gloria, giornalista e blogger. Scrivo articoli per blog e media online. Amo esplorare, viaggiare, ospitare, creare connessioni. Andare controcorrente è nel mio Dna. Lo so da quando scappavo dall'asilo in cerca di idee e passioni. Sogno, sorrido, condivido. Vivo a Minorca.
Post precedente
Post successivo

Google+ Conversazioni

Gloria VanniEcco perché pulire con karma ci rende felici #PensaPulito

4 conversazioni a “Ecco perché pulire con karma ci rende felici #PensaPulito”

  1. nino mandato

    Per un indisciplinato quale io sono l’idea di pulire con karma è quasi una provocazione. Che karma e karma! Adoro la pulizia e l’ordine, ma che ci pensi qualcun altro. No, non è vero o meglio è vero nel mio passato e nei sogni di oggi. Ho imparato, per necessità soprattutto, a gestirmi in prima persona la casa, e alla fine ne ricavo una certa soddisfazione. Non posso dire di essere arrivato alla felicità. In effetti con buona musica, una pausa ogni tanto e la pazienza, acquisita con l’età, raggiungo quella serena soddisfazione che provo quando mi guardo allo specchio e vedo che ho ancora i capelli e non ancora bianchi.

    1. Gloria Vanni

      Sei una persona fortunata, Nino, e lo sai. Sono certa che con il tempo apprezzerai sempre di più il piacere della meditazione domestica con lo straccio in mano, magari in un luogo meno inquinato e polveroso della Lombardia, di Milano e Voghera.

  2. Grazia Gironella

    Cara Gloria, riuscire a vivere così le pulizie sarebbe un passo avanti epocale per me! In teoria sposo l’idea del “qualcosa ogni giorno”, in pratica applico il “solo quando non posso farne a meno”. Non mi ha aiutata crescere in una famiglia che mi ha permesso di non alzare mai un dito, figlia unica con mamma casalinga. Per questo con Enrico… ho fatto lo stesso! Ahimè. 😉

  3. Gloria Vanni

    Essendo cresciuta in un altro tipo di famiglia – “bambine, oggi è il giorno di pulizia delle vostre camere, delle maniglie delle finestre, degli argenti e così” -, ho sviluppato capacità di pulizia fin da piccola: lo dico e ripeto, sono stata cresciuta a pane ed educazione!

    In più, rispetto a mia sorella, non avevo alcuna possibilità di fuga. Cosa che invece a lei – “povera” e c’era sempre qualche motivo accettabile -, la fuga era spesso concessa! Forse è allora che ho iniziato a coltivare la mia determinazione: ero e sono determinata a sopravvivere!

    Poi, col passare del tempo, mi sono ritrovata ad avere chi mi aiutava (poco) e da tempo mi dedico da sola a mantenere la pulizia domestica. Così ho iniziato ad apprezzare quei momenti in cui fai in automatico e puoi essere ovunque. Tutto ciò è stato trasmesso a Sara, mia figlia. Che a lungo ha sbuffato e oggi nella sua casa è quasi maniacale. È la vita, Grazia! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *