Salvatore Aranzulla: cosa ci insegna in 15 minuti

Gloria VanniEccellenze Made in Italy7 Conversazioni

Eccellenze Made in Italy | Salvatore Aranzulla: cosa ci insegna in 15 minuti

Salvatore Aranzulla, classe 1990, un milione di euro di fatturato annuo: ogni giorno 500mila persone vanno su aranzulla.it  per cercare la soluzione a un problema tecnologico. Io sono una di queste.

Nel mio andare e venire tra Italia e Spagna, ho perso di vista i nomi dei relatori di Seo&Love2017 e sono felice di essere a Verona. Punto. Quando Salvatore Russo lo invita salire sul palco, tante delle 680 persone presenti al palazzo della Gran Guardia toccano con mano: Salvatore Aranzulla esiste, non è una leggenda. Io sono una di quelle.

È allora che scopri… hai presente il vicino di casa che sa mettere le mani ovunque ed è il tuo angelo custode tanto più se non hai un nerd in casa? O il collega con look e modi d’altri tempi che sa sempre far ripartire qualsiasi aggeggio tecnologico capace di metterti in crisi? Salvatore Aranzulla è così. Non solo. Il più celebre divulgatore informatico italiano è di una umiltà e di una timidezza fuori dal comune.

Cosa ci insegna Salvatore Aranzulla in 15 minuti? Passione e generosità, semplicità e precisione Eccellenze Made in Italy | Salvatore Aranzulla a SeoandLove con Salvatore Russo

«Scrivo come un dodicenne: soggetto, predicato, complemento oggetto. Cerco di farmi capire indipendentemente da età, grado d’istruzione e competenze linguistiche di chi mi legge. Non do nulla per scontato», precisa in una intervista al Giornale.

A Verona in 15 minuti di intervista Salvatore Aranzulla parla sempre al plurale: NOI. E spruzza la sala di passione, generosità, dolcezza. Con un tono di voce (tone of voice, ndr) indimenticabile: pacato, semplice, preciso.

La passione sembra sfuggirgli dalle tasche solo quando ricorda il giorno in cui i genitori gli hanno comprato il primo computer: aveva 10 anni, l’ha visto, l’ha abbracciato e non lo ha mollato finché papà e mamma Aranzulla hanno ceduto. E quando scriveva sui documenti in word i suoi “come si fa” per i compagni di scuola.

Perché facile accesso non significa facile utilizzo e lui da oltre 10 anni è sulla cresta dell’onda digitale offrendo soluzioni reali. Risolve problemi tecnologici e informatici. Rebus tecnici anche non complicati che però fanno perdere tempo e mandano in sbattimento neofiti e candidi capelli come me.

Anche se non è più su Wikipedia, Salvatore Aranzulla continua a essere un esempio positivo delle possibilità offerte dal web

Eccellenze Made in Italy | Salvatore Aranzulla: ecco cosa ci insegna in 15 minuti

Non sempre è chiaro se i nostri sforzi saranno apprezzati. Quando questo avviene, allora è pura magia! La magia di Salvatore Aranzulla inizia quando sceglie di rispondere ai quesiti che migliaia di persone si fanno quando approcciano qualsiasi questione tecnologica. E non solo: anche “Come confrontare voli“, tema caldo in previsione delle vacanze.

Insomma, scrive articoli che sono esempi perfetti di SEO (search engine optimization). Post che rispondono alle domande più ricercate su Google e Salvatore aggiunge:

«Il 95 per cento dei nostri articoli soddisfano le prime tre domande poste a Google dai navigatori».

Nel suo post di sintesi di questa seconda edizione di Seo&Love, Salvatore Russo scrive:

«La generosità paga sempre. Perché appaga il cliente più difficile: noi stessi». 

Sacrosanta verità che condivido!

A maggio 2016 gli utenti di Wikipedia cancellano la pagina dedicata al mago dell’informatica: per sapere cos’è successo e come funziona la burocrazia wikipediana, vai all’articolo di Federico Nejrotti.

Alla reputazione di Salvatore poco importa Wikipedia. Per me Salvatore Aranzulla è un esempio positivo e tangibile di Internet. È la/le possibilità del web. È una persona che ha scelto di fare qualcosa per migliorare la conoscenza tecnologica italiana. Una scelta generosa che sta dando (anche molti) frutti.

Questo è il web che amo. Perciò, la mia gratitudine a Seo&Love, Salvatore, Salvatore, Giulia e tutte per persone che ogni giorno s’impegnano per un mondo migliore, digitale e reale. E grazie a chi ogni giorno lavora per comunicare, coinvolgere, convertire. Con amore. Come Salvatore Aranzulla, come me, come te. Buona vita a noi!

About Gloria Vanni

Ciao, sono Gloria, giornalista, blogger, digital copywriter, divulgatrice digitale. Amo creare connessioni tra persone e cose. Scrivo articoli per blog, pagine e media online. Andare controcorrente è nel mio Dna. Lo so da quando scappavo dall'asilo in cerca di idee e passioni. Sogno, sorrido, condivido.
Post precedente
Post successivo

Google+ Conversazioni

Gloria VanniSalvatore Aranzulla: cosa ci insegna in 15 minuti

7 conversazioni a “Salvatore Aranzulla: cosa ci insegna in 15 minuti”

  1. Gloria Vanni

    Fantastico Gloria! Una perfetta descrizione di quei 15 minuti direi pieni, solari, semplici con un Salvatore Aranzulla umile come solo i grandi lo sono.
    Mi hai fatto venire in mente quel ragazzino di 12 anni, commosso per aver abbracciato il suo primo PC. Il ragazzo “a la mano” che ho avuto l’onore di ascoltare al #SeoandLove.
    Buena vida!
    Maria Francisca Gutierrez Milesi

  2. Gloria Vanni

    Cara Gloria, ora ho avuto modo di leggere approfonditamente il tuo articolo. Ciò che scrivi è quello che anch’io ho apprezzato di lui. Ti ringrazio per il tuo ringraziamento (aiuto che giro di parole), non ho molti meriti se non credere moltissimo nel lavoro che svolgo accanto a Salvatore. Sono fortunata per lui e sono fortunata a poter vivere la gratitudine di chi apprezza ciò che facciamo.
    Giulia Bezzi

  3. Gloria Vanni

    Bravo ragazzo e molto umile. Il tuo articolo valorizza al massimo queste sue qualità! 😀
    In molti, qui sul web, hanno tantissimo da imparare da Salvatore Aranzulla
    Oreste Pi

  4. Gloria Vanni

    I minuti sono 30, ma sono volati 🙂 I Milioni di euro che fattura sono molti di più, ma sono problemi suoi 😀 Quello che conta è il messaggio che ha lasciato e tu percepito. Brava
    Salvatore Russo

  5. Gloria Vanni

    Fin troppo spesso a farla da padrone in questa società sono coloro che sbandierano meriti e competenze, e fanno calare dall’alto la loro onniscenza. Ammiro molto la sensibilità di chi invece sa mettersi nei panni altrui e vede i problemi e le difficoltà che coloro i quali si ritengono arrivati ignorano. Questa pratica è guardata con snobismo, come se l’immedesimazione fosse sinonimo di umiliazione. Un plauso a chi non demorde, perché nessuno nasce “imparato”.
    Luca Bedino

  6. Gloria Vanni

    Il miglior ricordo del #SEOandLove2017
    elegantemente raccontato da Gloria Vanni
    ——————————————————–
    – nel quale si parla di Salvatore Aranzulla,
    – di come la semplicità sia affascinante
    – e di come i rosiconi invidiosi cerchino di offuscare chi brilla più di loro.
    (interessante link all’articolo in cui si parla della cancellazione da wikipedia della voce a lui dedicata).
    Ho letto molti concetti su cui concordo,
    ma soprattutto appreso con interesse novità che non conoscevo.
    Grazie
    Regina Moretto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *