Sostenibilità è benessere interiore, amore, felicità

Gloria VanniMondi e Sostenibilità13 Conversazioni

Sostenibilità è benessere interiore

Per me la sostenibilità è benessere interiore, amore, felicità, successo, crescita personale. È prendersi cura di sé, degli altri, della Terra. Come voce sostenibile, sono stata invitata alla “First Networking Roundtable: Sustainability”  by Puliti&Felici. E, magia, ecco cosa accade alla sostenibilità!

Peccato che sostenibilità continui a essere una delle parole meno cercate su Google, meno capite e libere di andare oltre a sviluppo e ambiente. È la sostenibilità dei piccoli numeri. Media delle ricerche mensili per sviluppo sostenibile? Bassa, 5.400.

Ciò nonostante, #IoCheAmoLePiccoleCose, da tre anni vado avanti e indietro da sostenibilità a benessere interiore, da crescita personale a cambiamento e questa è la mappa che ci ha disegnato Diego Mozzo per noi, ricordi? E se non l’hai vista, eccola!

Diego Mozzo VisualMap Sostenibilita benessere interiore amore felicità

Perché la sostenibilità è benessere interiore

Credo nella sostenibilità delle piccole cose. Quelle che ognuno di noi fa senza essere esperto di economia verde e blu. Piccole cose a portata di mano, pronte all’uso senza aspettare che altri facciano il primo passo. Come ho raccontato in questo post sull’anonima gentilezza, uno dei miei preferiti.

Come tutti gli amori anche il nostro – quello tra me, LessIsSexy e la sostenibilità & Co -, ha i suoi alti e bassi fatti di passione, gioia, abitudine, dubbi, insofferenze, follia, aiuto.

Non abbiamo divorziato, non ci siamo divisi, abbiamo fatto una vacanza reciproca questa estate. Iniziata quando Puliti&Felici, brand di Assocasa by Federchimica m’invita alla “First Networking Roundtable: Sustainability“.

Prima tavola rotonda sulla sostenibilità promossa da Puliti&Felici. Dire no a Daniele è insostenibile! Tanto più dopo avere ricevuto via mail un’insolita convocazione, sorta di caccia al tesoro per capire il dove – luogo segreto -, preludio di un incontro insolito e sorprendente.

Sostenibilità è benessere interiore

Quando la sostenibilità è benessere interiore che va oltre la gabbia del “green”

Alle 10 di un martedì di giugno, più curiosa che sostenibile, varco la soglia del loft di Lorenzo Vinci e mi ritrovo a condividere con Daniele e quattro blogger – Simona, Francesco, Carola, Isotta -, quella che per me è una delle esperienze professionali più divertenti e sostenibili.

Con mia gioia, la sostenibilità esce dalla “gabbia green” per abbracciare azioni come equilibrio, rispetto, condivisione, cambiamento, prospettiva, unicità. Perché la sostenibilità è persone, esperienza, consapevolezza, partecipazione, coinvolgimento, esplorare, conoscenza: guarda la mappa.

Sostenibilità è benessere interiore Puliti&Felici

La iniziamo muniti di cuffie e una voce che ci guida attraverso un percorso di stimoli per i nostri sensi. Giochiamo tra colori, odori, sapori.

Gusto, olfatto, tatto m’invitano alla leggerezza e a lasciare andare stanchezza e pensieri.
Quante leggende metropolitane sulla sostenibilità e quante cose scopro di non sapere. I post-it colorano la skyline di Milano che accoglie silenzi, chiacchiere, risate.

A un certo punto ci mettiamo pure a ballare e cantare sulla voce di Gloria Gaynor:

«Oh no not I, I will survive, Oh as long as I know how to love I know I’ll stay alive, I’ve got all my life to live, I’ve got all my love to give, And I’ll survive, I will survive, I will survive…». Ascoltala!

Non manca nulla in quelle cinque ore in cui io e la sostenibilità ci corteggiamo come si fa ai primi incontri. Perché sostenibilità è benessere interiore, amore, felicità…

In quell’appartamento più aggrappato al cielo che alla terra, è pura sostenibilità farsi coccolare dal team di Silent Play.

Esperienza super, alla fine sono un centrifugato di emozioni. Serenità, entusiasmo, connessione, gioia, pace, soddisfazione quanto basta e amalgamati con cura, come indicato nelle migliori ricette.

Sopravviverò cosciente che le rivoluzioni iniziano dalle piccole cose di ogni giorno: #IoCheAmoLePiccoleCose

Come un piatto di humus con verdure, una pasta e un dolce fatto in casa. Come occhi diversi per guardare la sostenibilità. Come passi nuovi di benessere&sostenibilità condivisi con Carlo, Anna, Daniele…

Buona settimana! Ah, dimenticavo: che idea hai della sostenibilità?

PS. Cliccando sul pulsante sotto, oltre a dirmi che l’articolo ti è piaciuto, puoi donarmi del tempo – facciamo 5 minuti:) ? posso usarlo per pagare i talenti di chi ci aiuta: abbiamo bisogno di traduzioni, prima o poi! –, grazie! 

About Gloria Vanni

Ciao, sono Gloria, giornalista, blogger, digital copywriter, divulgatrice digitale. Amo creare connessioni tra persone e cose. Scrivo articoli per blog, pagine e media online. Andare controcorrente è nel mio Dna. Lo so da quando scappavo dall'asilo in cerca di idee e passioni. Sogno, sorrido, condivido.
Post precedente
Post successivo

Google+ Conversazioni

Gloria VanniSostenibilità è benessere interiore, amore, felicità

13 conversazioni a “Sostenibilità è benessere interiore, amore, felicità”

  1. Federico

    Cara Gloria, rispondo volentieri alla tua domanda…Che idea ho della sostenibilità?
    Non mi vergogno a dire che faccio parte di quella cerchia di persone che non hanno un’idea chiara, quindi, tu che fai di essa il tuo porta bandiera sarai sicuramente invogliata dalle mie parole ha scriverne ancora di più.

    La sostenibilità per me oggi è qualcosa che ho capito essere nelle mie corde anche se il concetto, che capisco ogni giorno di più, ancora un po’ mi sfugge.

    La sostenibilità credo sia il risultato di un insieme di capacità, “ciò che sai fare e sai fare bene”, e di generosità verso l’altro, di condivisione di esse e di accoglimento delle capacità altrui per creare una vita sostenibile per entrambi.

    Quello che per istinto cerco di fare ogni giorno per darmi e dare delle possibilità in più a me e agli altri. Complesso ma chiaro? Forse per me è più semplice organizzare una cena o fare un piatto tipico del Sol Levante! 🙂

    1. Gloria Vanni

      Mi piace molto la tua sostenibilità, Federico: un insieme di capacità, di generosità, condivisione e accoglimento delle altrui capacità.

      Hai le idee più chiare di quanto non ce le abbia la maggior parte di noi, sottoscritta inclusa! Sarà questo il motivo per cui da quando ci siamo incontrati e conosciuti per me sei più di un fratello?

      Grazie! E prometto, il prossimo post sarà leggero!

    1. Gloria Vanni

      Equilibrio, armonia, rispetto piacciono molto anche a me. Ma non è che ci piacciono perché siamo un po’ babbione, over anta, in particolar modo io, Grazia?

  2. Nick Murdaca

    Gloria, “quell’appartamento più aggrappato al cielo che alla terra” è un’immagine splendida, e meravigliosa è l’esperienza che avete condiviso, così come l’energia che si avverte leggendo il tuo bel post.

    1. Gloria Vanni

      Grazie, Nick, per le tue parole e l’apprezzamento. Sono passati i mesi e mi sono chiesta se e quando avrei condiviso quell’esperienza, sapendo che prima o poi il momento arriva se è destino.

      La sostenibilità e io abbiamo una sorta di conto aperto. Da un lato è suo il merito di avermi sedotta, quindi è sexy; dall’altro è anche talmente sexy che è difficile coglierne e condividerne appieno significato ed essenza. Non è un gioco di parole.

      Ti faccio un esempio pratico: ogni giorno raccolgo escrementi dimenticati da altri proprietari di cani sui marciapiedi attorno a casa. Lo faccio perché mi dà profondo fastidio che qualcuno ci metta sopra un piede: abito vicino a una scuola. Lo faccio perché mi spiace che la categoria proprietari di cani venga giudicata maleducata. Lo faccio per rispetto ed educazione, sinonimi di sostenibilità.

      Ogni giorno mi auguro che questo e altro vengano adottati e fatti propri da… mezzo mondo che diventi un mondo intero 🙂

      1. Nick Murdaca

        Era certamente destino! Gloria, noi dobbiamo avere qualcosa in comune: io raccolgo cocci di vetro e sposto pietre che trovo lungo marciapiedi, strade e sentieri perché non voglio che nessuna creatura che sia bipede, quadrumane o a quattro zampe si faccia male o cada. Credo che questo qualcosa abbia lo stesso significato ed essenza per entrambi 🙂

    2. Gloria Vanni

      Non ci resta che prenderci questo caffè, Nick, e raccontarci queste cose anche di persona! A questo punto sono io che ho un paio di settimane piuttosto impegnate ma,,, prima di Natale ce la facciamo? 🙂

  3. Paola

    Posso dire che da tempo faccio mia la tua idea di sostenibilità, Gloria?

    Prendersi cura di sé, degli altri, della Terra dice tutto, è tutto. Non aggiungo altro. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *