Terza età a chi? I desideri non invecchiano!

Gloria VanniSponsored Post6 Conversazioni

Terza età: i desideri non invecchiano!

Terza età e desideri. Per biologia e medicina 60 anni è il giro di boa che sancisce il passaggio alla cosiddetta terza età. Ma quando iniziamo a invecchiare? Quando termina il periodo dello sviluppo fisico che, nella nostra società, è più o meno attorno ai 25 anni. Con questo vorrei rassicurarti: con la terza età i desideri non invecchiano, la creatività neppure! Tocco con mano ogni giorno.

Come entrare nella terza età? Con movimento e creatività

È metà pomeriggio, il tepore settembrino mi invita a pedalare verso il mio appuntamento. Pedalo e mi guardo attorno. Supero City Life e sono abbagliata dalla luce che colpisce la “cometa” del MiCo, il tetto progettato dall’architetto Mario Bellini per il centro congressi più grande d’Europa.

Terza età a Milano: il tetto “cometa” del MiCo progettato dall'architetto Bellini

Mi fermo: il tetto in alluminio merita una foto! E senza pensare supero l’ostacolo, la rete protettiva, infilando il cellulare tra i buchi verdi. Non riesco neppure a terminare la sciagurata azione che il mio smartphone è già in volo. Atterra sul cordolo, a mezzo metro di distanza da me. Sotto, a un’altezza imprecisata, direi 10/15 metri, c’è il campo pratica di CityGolf Milano.

Mi rendo conto di avere fatto una grande, grande scemenza. Vado avanti e indietro un paio di volte per capire cosa posso fare. Ho una sola certezza: non posso lasciare lì il mio telefono.

Poco distante ci sono guardie giurate, ragazzi e ragazze che si ritrovano tra gli spazi verdi di City Life. Mi sfiora il pensiero di chiedere aiuto. Mi rispondo subito: no, è troppo pericoloso. No, chissà a che numero di canne sono. No, chi fa da sé fa per tre.

Terza età a chi? Chi fa da sé fa per tre: devo scalare la rete

Non vado in panico, sono lucida e fredda, so che devo risolvere da sola il problema. Mi giro e vedo un signore di terza età venire verso di me con il cellulare in mano: è forse catturato dalla mia stessa visione paesaggistica.

Non lo conosco, m’ispira fiducia, ho bisogno del suo aiuto. Gli faccio vedere dov’è il mio telefono e gli chiedo:

«Mi fa da assistente, per favore?».

Nulla di più. Alla sua risposta affermativa, porto la bicicletta nel punto che ho deciso di scalare: sarà alto due metri e dall’altra parte ho (solo) un tubo innocenti di protezione che corre parallelo al terreno. Meglio di niente e aggiungo la mia volontà di non volare come una pallina da golf.

Trascino un New Jersey in plastica bianca e rossa vicino alla bici, mi tolgo i sandali e, senza pensarci un minuto di più, parto. A piedi nudi, le dita nella rete, mi arrampico come una scimmia e scendo con cautela dall’altra parte.

Metto i sandali e cammino per una decina di metri sul cordolo largo 10/15 centimetri. Recupero il cellulare e lo passo al mio angelo custode con i capelli grigi. Torno indietro, senza guardare giù, tenendomi alla rete e al tubo innocenti.

Tolgo i sandali e affronto la mia seconda scalata in compagnia dell’adrenalina e di questo signore di terza età che mi prende un piede, poi l’altro e infine mi aiuta a scendere a terra.

Lo bacio, lo abbraccio tra sorrisi, grazie, sono Gloria, sono Maurizio. Non ho tempo per invitarlo a prendere qualcosa per ringraziarlo, il cellulare squilla, rispondo, arrivo e intanto nei suoi occhi leggo un interrogativo:

«Ma questa quanti anni ha?».

Domanda senza risposta. Mi aspettano. Sono in ritardo di 10 minuti al mio appuntamento, scappo con un sorriso.

Soluzioni per la terza età? Sì, anche per chi a volte si sente come a 15 anni!

Terza età. Lierac propone #TrattamentiSpecifici come Arkéskin+ crema, Diopti e Déridium

Pedalo e intanto sorrido. Pedalo e benedico le mie ore, giorni, mesi di nuoto e i miei anni di Pilates. Pedalo e ringrazio la mia crema, quell’Arkéskin+ di Lierac che corregge l’invecchiamento cutaneo della pelle del viso e combatte la secchezza della pelle in menopausa come la mia. Dico grazie anche a Dioptigel, gel che attenua le borse, e a Diopticerne, crema colorata che attenua le occhiaie.

Pedalo e sprizzo gratitudine da tutti i pori: sono viva! Quanti anni ho? Forse 15!

Al momento in cui scrivo ho 711 mesi, 3.093 settimane, 21.655 giorni, 519.720 ore: calcola qui la tua età! Sono tanto creativa da volere essere felice e immaginare il mio prossimo compleanno come una festa lunga tre giorni vicino al mare. Dove? Appena lo so ti dò notizie. Se vuoi essere dei nostri, basta che lo segnali.

Domanda: cosa avresti fatto al mio posto?

Hai vissuto un’avventura come la mia, di quelle che sai di valere più del tuo smartphone e (comunque) lo salvi? Anche se non appartieni alla terza età che prima o poi arriva, condividila qui sotto tra le conversazioni: un progetto mi frulla in testa, intanto buona vita!

PS. La mia (dis)avventura è durata in tutto 15 minuti, i lividi su braccio e coscia destri oltre 2 settimane 🙂

Buzzoole

About Gloria Vanni

Ciao, sono Gloria, giornalista e blogger. Scrivo articoli per blog e media online. Amo esplorare, viaggiare, ospitare, creare connessioni. Andare controcorrente è nel mio Dna. Lo so da quando scappavo dall'asilo in cerca di idee e passioni. Sogno, sorrido, condivido. Vivo a Minorca.
Post precedente
Post successivo

Google+ Conversazioni

Gloria VanniTerza età a chi? I desideri non invecchiano!

6 conversazioni a “Terza età a chi? I desideri non invecchiano!”

  1. nino mandato

    Cara Gloria, conoscendoti bene, devo dire che il tuo pensiero e la tua esperienza non fanno molto testo. La tua forma fisica non è quella di una sessantenne. Tua figlia, 26 anni, dice che sua mamma è molto più in forma di lei. Fatta questa premessa condivido le tue parole e ho apprezzato in particolare due citazioni: le parole della canzone di Battiato e, ancor più, quelle di Cocteau “Si può nascere vecchi, come si può morire giovani.” Proprio questo è il mio pensiero. Conosco giovani che potrebbero avere dieci anni più di me (forse mi illudo) e ottantenni lucidi e vivaci, ancora proiettati verso un futuro che, per quanto breve potrà essere, deve essere vissuto. Questo penso sia il segreto per essere anziani giovani e non giovani anziani. Grazie comunque per le stimolanti proposte.

    1. Gloria Vanni

      Ciao, Nino, per fortuna Sara legge poco LessIsSexy dato che è presa (molto) dalle sue storie. So che ha provato disagio e invidia nei miei confronti, sensazioni spiacevoli che ho cercato di ridurre con l’esempio e poche parole. Certo, bisogna “lavorare” per stare bene fisicamente, tanto più quando entri in quella fase di vita in cui anche il metabolismo rema contro!

      Per me stare bene nella mia pelle è una delle cose importanti di ogni giorno. Tutto qui. Ah, cosa avresti fatto al mio posto per recuperare il cellulare?

  2. Paola

    Super, come sempre super la tua voglia e capacità di non arrenderti! E quanto costa la super crema di Lierac per pelle in menopausa?

    1. Gloria Vanni

      Cara Paola, grazie per il super, la crema Areskin+ è in vendita online tra i 21,90 e i 31,50 euro, oggi su google: “arkeskin lierac miglior prezzo”.

      Nulla di particolarmente costoso e impossibile! La farmacia vicina a casa mi tratta bene, essendo una cliente affezionata. Però, se mi trasferisco, in Spagna per esempio, passerei anch’io all’acquisto online. Spero di esserti stata utile e buona vita!

  3. Laura

    Sempre delizioso leggerti, … energia che fluisce in ogni parola 🙂
    Non bado troppo alle rughe… ma all’energia positiva, quello si … eccome!
    Grande Gloria 🙂

    1. Gloria Vanni

      Grazie, Laura, delle tue parole!

      Fai bene a tenere più all’energia che alle rughe e continua così perché è con l’energia positiva che si accettano anche i segni del tempo, diventano parte di te come altri cambiamenti del corpo e della vita. Poi, se si può fare qualcosa per tenere sotto controllo i decadimenti, ben vengano vita sana, movimento, creme giuste etc..

      Per me si tratta di stare bene nella mia pelle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *